Natura

Storia

Cultura

Luoghi di Culto

Economia

Cucina

Sport

Itinerari e percorsi

Aree turistiche

Cammini di Fede

Enti territoriali

Percile

Il paese di Percile sorge all’interno del Parco Naturale dei Monti Lucretili, su un’altura che domina la valle del torrente Licenza. Oggi il Comune fa parte del Cammino di San Benedetto. Le origini dell’abitato sono confuse: alcuni storici fanno derivare il nome dalla famiglia romana Porcia, e in effetti del periodo romano sono stati ritrovati consistenti testimonianze, come un sarcofago di terracotta e un cippo sepolcrale su cui sono nominati vari personaggi; inoltre nella Chiesa di Santa Maria della Vittoria si poteva ammirare, prima del vandalico furto, un bellissimo portale realizzato con reperti romani.  Le prime notizie su Percile sono riportate nella vita di San Silvestro. A partire dal X secolo i nobili locali favorirono la costruzione di castelli sulle alture per il controllo e la difesa della regione. Nel 1110 il castello  venne donato da Beraldo figlio del conte Crescenzio e dalla moglie Domenica all’Abbazia di Farfa, poi passò agli Orsini e nel XVII secolo a Giovanni Battista Borghese duca di Rignano. Il paese offre ai propri visitatori la possibilità di ammirare lo splendido Palazzo Orsini – Borghese, oggi completamente restaurato e situato nel centro storico;  il Re Carlo d’Angiò soggiornò al castello di Percile prima della famosa battaglia di Tagliacozzo, nella quale sconfisse Corradino di Svevia, e dopo la vittoria per ringraziamento fece erigere la Chiesa di Santa Maria dedicandola appunto alla “Vittoria”. Quest’ultima, immersa tra i boschi, è la più antica del paese; l’interno è ad aula unica, con la zona dell'abside separata dal restante corpo dell'edificio da un arco a tutto sesto e il tetto a capriate. Oltre a queste bellezze storico – artistiche, Percile è famosa per i suoi Lagustelli, piccoli laghetti di origine carsica formatisi a seguito dell’impermeabilizzazione del fondo di due doline; essi sono considerati uno dei punti di maggiore interesse e attrattiva turistica di tutto il Parco. Chi visiterà Percile, infine, potrà gustare la famosa ramiccia, un piatto di fettuccine fatte in casa tagliate finissime e condite con un sugo speciale i cui ingredienti si tramandano di generazione in generazione. Tra i dolci invece vi sono le tisichelle o tusichelle, con albume d’uovo, zucchero, farina e anice. Inoltre ad ottobre è organizzata la golosa Sagra della Castagna. Il 4 dicembre si festeggia invece la patrona Santa Lucia.

Galleria fotografica


Mosaico pavimentale
Palazzo del centro storico
Piazza Mazzini
veduta 1
Particolare dello scorcio del lago
Scorcio del campanile e della croce
Scorcio del lago


I nostri Attrattori Turistici


Luoghi di Culto
Territorio

Nei dintorni


Footer da definire
Obiettivi del progetto